Home » News » Non lo credevate possibile ma adesso Google Chrome occupa più RAM di sempre

Non lo credevate possibile ma adesso Google Chrome occupa più RAM di sempre

Chrome 67, in rollout al momento su Windows, Mac, Linux e Chrome OS, occuperà circa il 10% di RAM in più di prima, ma per una buona ragione: proteggere gli utenti da vulnerabilità quali Spectre.

Per questo motivo, e non solo, gli sviluppatori di Google hanno abilitato di default la Site Isolation, che consente al browser di renderizzare il contenuto di ogni sito web in un processo dedicato, separato dalle altre pagine. Si tratta in pratica di un meccanismo di Sandbox, volto appunto a proteggere gli ignari utenti, ma che conseguentemente richiede maggiore memoria proprio a causa della separazione dei processi.

Il prossimo passo sarà quello di estendere la Site Isolation a Chrome per Android, dove al momento è in test su Chrome 68 beta, ma solo se la abiliterete manualmente tramite chrome://flags/#enable-site-per-process.

Nota a margine: la pagina Nuova Scheda di Chrome Desktop potrebbe in futuro includere sfondi da Google Foto; una funzione testata in passato anche su Android, e forse in arrivo su PC, almeno a giudicare da questo commit nel progetto Chromium. Ne riparleremo se ci sarà l’arrosto, oltre al fumo.

L’articolo Non lo credevate possibile ma adesso Google Chrome occupa più RAM di sempre sembra essere il primo su AndroidWorld.

fonte: http://www.androidworld.it/feed/