Home » News » Nuovi leak per Redmi K20, presunto erede di OnePlus nel ruolo di flagship killer

Nuovi leak per Redmi K20, presunto erede di OnePlus nel ruolo di flagship killer

Facciamo il punto. Cosa sappiamo di certo di Redmi K20? Per il momento poche cose: il processore, uno Snapdragon 855 (degno di un flagship killer), la fotocamera, da 48 MP – probabilmente accompagnata da altri due sensori – e la presenza del jack audio, che non può che essere cosa gradita.

Tutto il resto è ancora poco sicuro e coperto da un velo di mistero, anche se il benchmark da record visto su AnTuTu non fa che accrescere le aspettative verso questo terminale. Ciò che vi portiamo oggi sono le ultime immagini uscite da Twitter che confermano parzialmente le specifiche che conoscevamo e ci mostrano di nuovo il volto dello smartphone (stavolta con un posteriore diverso, dove le fotocamere sono posizionate al centro, e non lateralmente).

LEGGI ANCHE: Alla scoperta di Asus Zenfone 6 e della sua fotocamera ribaltabile

Dato per assodato il processore, le conferme riguardano principalmente batteria, da 4.000 mAh con ricarica rapida a 27 W, e lo schermo, da 6,39 pollici in FHD+ (2340 x 1080 pixel). Novità per quanto riguarda il rapporto di forma, indicato su 19,5:9 e il tipo di memoria, che secondo la fonte in questione è UFS 2.1, a differenza di ciò che ci si poteva aspettare dal benchmark AnTuTu.

Qui sotto trovate tutte le immagini emerse, che confermerebbero uno schermo ai limiti della scocca, ed una fotocamera anteriore a scomparsa, sullo stile dell’OnePlus 7 Pro che questo smartphone vorrebbe sostituire nel tanto ambito ruolo di flagship killerOra rimane solo un dubbio, il più importante: a che prezzo sarà venduto?

Qualcomm Snapdragon 855 SoC
Adreno 640 GPU
4000mAh battery
27W fact charging
6.39-inch OLED display
2340 x 1080 pixels
19.5:9 aspect ratio
UFS 2.1 storage

— Mukul Sharma (@stufflistings) May 17, 2019

L’articolo Nuovi leak per Redmi K20, presunto erede di OnePlus nel ruolo di flagship killer sembra essere il primo su AndroidWorld.

fonte: http://www.androidworld.it/feed/